GIUSTO E MORALE

La giustizia e la moralità NON devono essere analizzate: poiché possono essere abbandonate come morti: monumenti dei consunti: testimonianza del lungo successo di un trucco del linguaggio finalmente scoperto e screditato. Ma la giustizia e la moralità abbandonate, restano ancora le parole descrittive della condotta umana che hanno fornito le basi su cui il trucco è stato applicato a tale vantaggio: “giusto e morale”.

Abbiamo già espresso la nostra opinione su entrambi i termini, ma solo nel rispetto di tale significato che hanno quando sono usati con attenzione e delicatezza: usati come si userebbero coloro che consideravano le parole come buoni strumenti da smussare solo sotto il pericolo di confondere lo scopo per cui nascono tutte le parole: l’intercomunicazione del sentimento e della comprensione umana. Li abbiamo trattati con precisione, come potrebbe fare un bravo scrittore con un pubblico di buoni scrittori, ma dal momento che gli scrittori bravi sono pochi e lontani tra di loro, è impossibile riunirli in numeri, e diventa consigliabile – se il pubblico deve essere esteso a tutti – trattarli con quei significati sciolti e rozzi che sono attaccati a loro in vario modo dai curati e dagli altri oratori, dai giornalisti e dagli scrittori di trattati filosofici che portano la schiuma alla superficie della propria retorica confidando abilmente nel loro uso. Quindi, dunque, alla connotazione popolare: per primo “Giusto”.

Il significato della parola “giusto” secondo gli esperti in retorica – ed è questo significato che decide quello che è popolare – è “generoso”, una connotazione abbastanza strana quando si tiene a mente l’ampia distinzione che esiste comunemente tra i due termini. Tuttavia, questo è il significato retorico. Essere “giusto” significa essere “generosi”; vediamo l’opposto – quando un uomo è “generoso”, è solo “giusto”, per l’accorato desiderio di cui è probabile che il significato di una lotta sociale nel prossimo futuro sia raccontato, e pur portando le difficoltà che ogni lotta da, recherà con sé dolore al cuore e risentimenti di cui certamente non ha bisogno.

* * *

Esaminiamo come è stato portata avanti questa caduta di connotazione dal “giusto” al “generoso”. Primo sul preciso significato di “giusto”, che è duplice: secondario e primario, di cui il secondario è l’ovvio e il significato comunemente accettato, mentre il primario è così fondamentale e fondato su motivazioni da essere così profondamente istintive, ma che raramente, viene preso in considerazione e solo molto scarsamente è fornito di classificazioni. Delineeremo innanzitutto l’ovvio significato secondario. In questo senso un essere “giusto”, è quello che realizza una cosa solo con la buona fede, e avendo fatto un affare, lo difende.

Per le occasioni o dai contratti separati, “essere giusti” non ha altro significato. In relazione a questo,”essere giusto”, significa soddisfarsi nella misura in cui la propria impresa è entrata nell’affare. E nello spirito come nella lettera: è una considerazione che spiega la distinzione adatta tra essere “giusto” in senso giuridico ed essere “giusto” per la piena estensione del terreno che il termine copre. La “legge” stessa si sforza di costringere gli uomini ad essere “giusti”, costringendoli con minacce di punizione per adempiere ai termini dei contratti nella misura in cui vi siano prove visibili o udibili per testimoniare quale sia stato il termine del contratto. Questi limiti sono, naturalmente, spesso gli incentivi più potenti offerti durante la formazione di un patto, sono non scritti e semplicemente impliciti.

Molto è lasciato al tacito presupposto – specialmente con i banali e le persone onorevoli: ed è quando tali presupposti hanno avuto il permesso di avere influenza nella realizzazione del patto, solo per essere ignorati in sequenza, che il senso è quello di essere stati trattati ingiustamente. Contro i più deliberati “trucchi di assunzione” la legge stessa tenta di proteggere le proprie vittime naturali. Ma stranamente, dove il senso del trattamento “ingiusto” sembra essere il più importante in circostanze in cui non esiste un trattamento ingiusto, in senso stretto: ma dove, attraverso l’avvento del caso o qualche altro fattore imprevisto, i termini di un contratto originariamente fatto in buona fede, viene migliorato per uno e si è deteriora per l’altro.

Condurre fedelmente non solo i termini scritti ma quelli taciti e assunti del contratto- ma i termini prevedevano il dilemma che si sarebbe dovuto fare diversamente- è considerato “ingiusto” dai sentimentalisti, retorici e salvazionisti. Loro preferiscono applicare il termine “ingiusto”, mentre in realtà significa “ingeneroso”. E da questo punto inizia la caduta. Essi presumono che l’assunzione di un vantaggio implicito in un contratto, sia giunto per caso o addirittura per intuizione superiore, o a quattro zampe, con vantaggi garantiti da una malafede più o meno trasparente rispetto a un accordo.

La parte che si trova dal lato sbagliato del contratto si pone – non nel compito di imparare a contrattare meglio in futuro, o di evitare le occasioni in cui ha la possibilità di essere sfortunato, o in cui non manifesta il talento che ha per avere successo – ma per rimproverare l’altra parte per quanto riguarda la condivisione del bottino. Pensa di chiedere all’altro di essere “giusto”, mentre gli sta chiedendo di essere “generoso”: un atteggiamento comune e abbastanza buono, se piace, ma è errato presumere che stia chiedendo di non essere favorito- ma da trattare “giustamente”.

* * *

Vale la pena soffermarsi su questa tendenza del “inferiore” per chiedere al “generoso” quando viene offerto il “giusto”, poiché da tale atteggiamento seguono molte implicazioni: che è il motivo per cui le persone con spirito, si preoccupano poco dell’estromissione del “giusto” dal “generoso”. Per prima cosa, l’azione di quest’ultimo è incerta, inaffidabile e, peggio di tutto, si prevede che colpisca in entrambi i modi. Colui che è stato trattato generosamente deve, a sua volta, agire generosamente o essere considerato – qualcosa di cui non gli importa di essere-cattivo.

Preferirebbero essere “giusti” perché è opportuno, ed essere “generosi” per capriccio, solo quando vogliono. I programmi solitari, essendo generosi, potrebbero essere disturbati: inoltre, si preoccupano poco della sensazione di essere stati generosamente trattati: sentono che è un investimento o un mecenatismo sottilmente velato, e preferiscono ritagliarsi una carriera indipendentemente da esso.

Accettare favori con obblighi indeterminati è un procedimento fastidioso per uomini capaci. Solo i favori che sono fatti a titolo definitivo, per la soddisfazione personale del soggetto, sono adatti all’accettazione. In breve, essere “generosi” è puramente un affare del gusto individuale, mentre essere “giusto” – in questo senso è secondario soddisfare in modo equo qualunque cosa si intraprenda – è la base di un’esistenza sociale tollerabile.

* * * *

C’è, tuttavia, un senso in cui “essere giusti”, colpisce più profondamente di quanto è stato visto in relazione alle occasioni: colpisce così tanto la qualità individuale che diventa una questione di idoneità linguistica se la parola “solo” dovrebbe essere usata in relazione ad esso, specialmente perché ha a che fare con un aspetto del carattere umano che è chiamato – abbastanza erroneamente – “morale”.

I poteri cruciali che danno la configurazione alla qualità di una comunità, e che fissano lo status dei suoi membri, non sono fondamentalmente basati sulle occasioni: lo spirito che permette di concludere le trattative. I poteri cruciali sono indicati, come a gradi, dal risultato di una lotta che arriva sempre dopo la natura di un combattimento. Le lotte sono condotte quasi fino all’esaurimento prima che si arrivi a un tale grado, ed è approssimativamente sui calcoli basati del loro esito, che lo spirito- dove vengono colpite le successive occasioni- prende tono e temperamento. C’è stata questa valutazione preliminare dei valori che hanno deciso cosa è “giusto” in primo grado, prima di arrivare al punto in cui si può essere “giusti” in senso secondario.

La valutazione del proprio valore precede tutte le contrattazioni: quello che per uno è un “giusto” affare, per un altro è assurdo e fantastico, e da contemplare. Ciò che è “giusto” per uno, si basa su ciò che uno “è” e “ha”.

Questa causa – la base dell’accordo – comprende la somma totale dell’intera competenza. Per gonfiarlo con la frode, l’inganno, il travisamento, il rimpallo, la spavalderia, l’errato calcolo “onesto” – tutte queste cose possono essere messe dentro – nel tentativo di confondere il valore esatto. Sono tutti mezzi che cercano di nascondere ciò che è giusto: rendere la valutazione inesatta, non ben bilanciata sul valore preciso delle parti con l’intento di confondere gli altri come i propri debiti. Ora, un individuo è adatto in ciò che può ottenere, se sceglie di disporre questa questione particolare in un test di prova con la forza. È un corollario che arriva dalla propria competenza.

Ora, è uno dei fatti più evidenti della vita, che la “competenza” degli individui sia varia: varia in misura enorme: e segue, quindi, ciò che ogni individuo può, nelle occasioni successive, e “giustamente” richiede (giustamente, cioè, con il dovuto riguardo al potere dell’individuo di sostenere efficacemente la sua richiesta), varia in modo equivalente. Questo è il motivo per cui l’argomento sull’uguaglianza non colpisce mai più in profondità del tono affermato.

Che gli uomini siano “uguali”, è il rivestimento istintivamente ricercato, proprio da quei sentimentalisti che “rivendicano” il gesto generoso perché non amano il “giusto”. Infatti, come è ovvio che la competenza individuale varia enormemente, è altrettanto ovvio che nulla ferisce il temperamento umanitario (cioè retorico salvazionista, uguaglianza-e-diritto) più che un aperto riconoscimento di esso. Il fatto che gli uomini non siano uguali nell’unico senso che conta, cioè nel potere della vita, è lo scheletro dell’umanitario nell’armadio. Non è menzionato da nessuna parte, ma è il segreto universale conosciuto ovunque.

Possiamo forse rendere questo aspetto primario di ciò che è “solo” più chiaro, rivolgendoci a una considerazione della “morale” per un momento, e tornare a mostrare la connessione tra i significati retorici di entrambi. Accuratamente “la morale”, come abbiamo sottolineato prima, è il “tradizionale”, “la consuetudine”. Il fatto che appartenga alla moltitudine e descriva il percorso della moltitudine, spiega perché in essa si sente un così buon odore: spiega perché è la conquista pronta di tutti coloro che cercano di conquistare il favore della massa. Sostenere questa cosa perché è morale è un’adulazione ovvia: significa ” tuo” – quindi “buono”.

Molto probabilmente è “buono” poiché appare come tale per la moltitudine; e dal momento che si aggrappano a questo, mostra un’abitudine affidabile, almeno per loro. I moralisti, tuttavia, non si accontentano di questo resoconto della quantità di merito nel loro appello alla popolazione per l’intercessione sotto l’egida della morale. Si sforzano piuttosto di implicare che la “morale” è lo stesso aspetto di quella forza di spirito che è il nucleo di tutta la competenza personale.

Vale la pena essere abbastanza precisi su cosa sia questa “forza spirituale”, e dal momento che esiste questa parola popolare che viene usata pressoché nella connotazione esatta, tutto questo non dovrebbe essere difficile da intendere. La parola “carattere” (che solo in quanto erroneamente identificata con la “morale” è sinonimo di rimpinzare ) si adopera per la parola “carattere”. Il carattere è l’energia vivente, che varia in forza e differisce in qualità, dove forte, debole o indifferente, è l’ultima competenza individuale, che deve essere presente prima che possa essere diretta verso qualsiasi attività.

Il più delle volte il carattere forte si rivolge a nuovi tipi di attività, lasciando la morale, e il coraggio giustificato dei suoi figli, e riesce a inaugurare una nuova pratica: i personaggi più deboli successivamente porteranno sicuramente avanti la morale, cioè, imiteranno e probabilmente vizieranno per imitazione. Il carattere è il valore – il potere – in un individuo a prescindere da quello che fa, anche se ciò che fa è determinato da ciò che è. Le differenze di carattere non sono differenze di “morale”, “modi”, “abitudini”; sono siffatte differenze che esistono tra una forte corrente magnetica e una debole: o tra un rovo consumato e una quercia: entrambi “buoni” a loro stessi, senza dubbio: ma non hanno bisogno e certamente non ricevono un trattamento identico. Parlare di morale quando comprende il carattere è parlare di atteggiamenti quando in realtà si intendono “valori”.

* * *

Per affermare con forza che “gli uomini sono uguali”, le persone deboli ma gentili scelgono di fissarla leggermente alla richiesta di forza individuale: hanno paura di cercare l’unica ragione per cui alcuni uomini sono ammanettati mentre altri li ammanettano. È poiché non osano manifestare questo fatto, sul quale si basa fondamentalmente il “giusto”, cambiano il loro urlo dal giusto al generoso: e praticano un rimbalzo innocente, ma altamente fuorviante, richiamando la generosa giustizia desiderata. Il rimpallo andrà solo un po avanti- ma non lontano: certamente non abbastanza lontano da apportare molti cambiamenti materiali nelle loro condizioni.

Prendiamo come esempio l’attuale protesta contro il “sistema” salariale (il cosiddetto). Il “sistema” deve essere abolito perché, peraltro, è “immorale” e “ingiusto”. Basta notare che: lo stesso respiro, che afferma che è immorale, va contro gli istinti più profondi degli uomini – dichiara anche che è quasi inestirpabile, che ha funzionato nel tessuto stesso della civilizzazione, tanto che le menti degli uomini sono ipnotizzate da esso – il loro stesso discorso è tutt’uno con esso, e che non possono liberarsi della fraseologia che incarna, ma essendosi scrollato di dosso un asserzione, ne userà un’altra in cui è così profondamente implicato. Vivere una vita stabile, lavorando per i salari di sussistenza, sia che si tratti del vecchio ordine degli schiavi o del nuovo sistema salariale, dimostra che la massa degli uomini si è imposta nel corso della storia con questo livello istintivo. Bene, allora: qualunque sia il modo in cui uno riceve il salario, è certamente una consuetudine: è normale: morale. L’abitudine di essere pagati per il lavoro fatto in termini di salario- tipo di moneta – è quella più inconfondibile, più di ogni altra caratteristica comune all’umanità nel corso dei secoli. Lavorare per un salario è certamente morale, in maniera così straordinaria, che ci sentiremo costretti, uno di questi giorni, a cercare di capirne il motivo. È anche doloroso, ci viene detto. Se è così, lascia che quelli che ne sono feriti ci dicano come. Se è dannoso, è un esempio molto interessante di indubbia “morale”, che è solo “buona” in maniera indiscutibile. Senza dubbio ciò che questi scrittori intendono quando dicono che è immorale è che il guadagno degli stipendi non è compatibile con il carattere di persone forti o di carattere originale.

Il che sembra abbastanza vero, dal momento che il guadagno salariale massificato, ha comportato il lavoro progettato da altri uomini, di cui gli operai hanno scarso o nessun interesse personale; nel complesso, la loro fatica è umile, servile, obbediente, sottomessa, e loro stessi sono aperti a subire insulti e oltraggi.

* * *

Allora perché persistono in esso? C’è chi dice loro che è doloroso: ma ne dovrebbero avere una comprensione migliore. Per quanto riguarda il fatto che la scarpa punge, il miglior giudice è quello che la indossa. Tutto ciò che uno spettatore può dire è che questa “scarpa da salario” è di una forma tale da renderla da tortura a causa di certe muffe. Ma la scarpa da salario sembra adattarsi molto bene ai salariati: richiede una grande dose di persuasione prima che possano essere indotti a dire una parola contro di essa, e anche allora le stesse parole che sembrerebbero rimproverare le restrizioni assomigliano sempre a un logorare continuo. I nomi non contano molto: tolgono quello di “scarpa” e mettono velocemente l’etichetta di “pantofola”.

Questo fatto, sembra essere creato su misura: si adatta al totale della loro effettiva competenza. Certamente padroni e uomini non stanno negoziando nell’oscurità: di tanto in tanto hanno provato la singola forza, e queste attuali relazioni sono così compromesse che hanno avuto un seguito come esito di queste prove. La competenza dei lavoratori dipendenti non può essere elevata se si tiene a mente che sono appena arrivati al punto in cui è possibile negoziare. Arrivano ai padroni come mendicanti: implorando di poter realizzare i loro scopi, le energie, su loro richiesta, vengono comprate per questo scopo.

Sulla base dei propri poteri, non sono nella posizione di fare un affare vantaggioso. Neanche loro. Quando, combinandosi con gli altri come incompetenti, cioè impotenti, come se fossero in grado di dimostrare con successo che i tassi sono in perdita [almeno] così tanto. È spesso concesso dal datore di lavoro perché è più conveniente non contrattare: o perché se lo può permettere: o perché gli piace essere generoso e ha pietà della situazione dei poveri.

Il fatto che i sindacati con un dispositivo chiamato monopolio del lavoro siano riusciti a garantire una certa parvenza di contrattazione ha dato all’unione salariale un senso di accresciuta condizione che rischia di rivelarsi altamente fuorviante: è probabile che confondano una riluttanza a incorrere in questo inconveniente, nel riconoscere la competenza esistente che appartiene solo all’esercizio positivo del potere. I risultati dell’esercizio del monopolio sul lavoro, degli scioperi e di altre tattiche ostruzionistiche sono puramente negativi, e alla lunga si riveleranno poco efficaci. Gli uomini non sono insostituibili: una caratteristica inquietante per coloro che istituirebbero monopoli. Le macchine andranno molto lontano con il lavoro della massa dei lavoratori salariati.

La prova cruciale della competenza non è dove gli uomini possono costringere gli altri a concedersi, ma dove ciascuno ha il potere di creare producendo per se stesso. Il fatto che i datori di lavoro non diano molta importanza alle “pretese” dei sindacati è dimostrato dalla determinazione a non cedere alla questione del lavoro non sindacale. Questi spettacoli “negativi” di potere, in effetti, esibizioni di assenza di potere, non sono persone in grado di portare lunghe borse fino al ginocchio. Se poi, dovessimo riassumere le quote dei salariati in termini di ciò che è principalmente e secondariamente giusto, diventa chiaro che il loro caso ha a che fare con il carattere, piuttosto che con la morale, e troverà la via d’uscita dal cambio del salario – guadagnare quando possono contare su ciò che è giusto e fare a meno del generoso.

* * *

In primo luogo, per quanto riguarda i tipi e le dimensioni dei salari. Nessun uomo onesto può affermare, nel complesso, che questi sono ingiusti: che offendono violando i termini di un accordo. Al contrario, i salariati sono raramente in una posizione sufficientemente forte per fare un affare. Chiedono e ricevono – lavorano con gli stipendi in allegato. Fanno il lavoro che gli viene dato, in modo tollerabile. Prendono i loro stipendi se la preoccupazione paga o perde: nel complesso sperano che “paghi”, poiché con la sola certezza non sarebbero a lungo impiegati, a meno che non ci fosse una prospettiva di profitto dal loro impiego per colui che li impiega. Proprio come sanno che non lavorerebbero, per la certezza dei salari, dovrebbero sapere che un datore di lavoro non li impiegherebbe, per la speranza di profitti in una forma o nell’altra. Se al salariato non piace l’accordo, può sempre andarsene e fare partire una sua azienda. Se affronterà “giustamente” il vero motivo per cui non lo ha già fatto, lascerà che sia perché sente di non avere la competenza dietro di sé – sia nelle abilità che nei possedimenti, o entrambi, per fare partire un azienda, per il profitto di se stesso: altrimenti lo farebbe.

Se in futuro si sentirà mai in grado di farlo, lo farà. Il presente discorso sul “plusvalore” che egli “crea” è alquanto un autoinganno. Non “crea” nulla in senso iniziatico. Fa il lavoro per il quale ha fatto domanda, è pagato, e otterrebbe il licenziamento non facendolo. Non ha pensato ai profitti “creati” quando ha intrapreso il lavoro. Il suo pensiero era quello di ottenere e mantenere il lavoro.

Il suo “diritto” per obbligare qualcun altro a dargli lavoro; il suo “diritto” di fare in modo che qualcun altro si rifiuti di dare lavoro ad altri; il suo “diritto” a una certa quantità di retribuzione; il suo “diritto” al “plusvalore” è un ripensamento scarno. Perché se avesse avuto la “forza”, la “competenza” per coprire l’ampia estensione di questi “diritti”, non sarebbe nella posizione di un mendicante che chiede il favore di un lavoro a un capo: avrebbe imposto di essere esso stesso, il padrone: l’unica cosa che fino ad oggi l’ordinario salariato rifiuta costantemente di essere. Il fatto che abbia iniziato a chiamare la scarpa una scarpetta non attenua in alcun modo l’ostinazione di questo rifiuto.

* * *

Certo, i suoi autoproclamati apologisti hanno una serie di “ragioni”: sarebbe, infatti, strano se i salariati in comune con tutti gli altri, non riuscissero a trovare un’offerta inesauribile per fare ciò che non hanno voglia di fare.

Ma i loro amici intellettuali hanno escogitato questo: basandosi sul presupposto piuttosto discutibile che l’attuale condizione opprimente non sia un indice giusto della loro effettiva competenza, e che la valutazione primaria del loro peso sia “ingiusta”, la tesi è, che il modo in cui possono essere trattati, non è indice che non possano impedire di essere trattati in questo modo: che questa valutazione competitiva è superata e che ora stanno meglio, più di quando gli affari si adattano nella loro attuale posizione subordinata.

E, naturalmente, nel corso del tempo, i valori dei personaggi cambiano costantemente, ma quando sono cambiati in misura notevole ci sarà un combattimento – noi lo chiamiamo una rivoluzione – per valutare nuovi poteri nella misura in cui sono cambiati. Durante una tale lotta esiste uno stato di guerra in cui gli scrupoli che rispettano i termini dei contratti, gli usi comuni ai tempi di pace, il rispetto della proprietà e cose simili, saranno abrogati: mentre i combattenti si impegneranno a condurre la contesa, con tutta la forza, composta da forza armata, intelligenza, astuzia, possedimenti attuali, amici, obblighi passati, fascino e grazia, cose che possono servire per conquistare alleati o disturbare la ferocia dell’attacco.

Quando la campagna è stata combattuta fino all’esaurimento, nella calma che segue emergerà la nuova stima che ognuno deve brandire dalle competenze altrui: una stima che servirà per molti anni a venire. Dopo i termini più intransigenti di ciò che è principalmente “giusto” -essendo stato deciso in un altro ambito- arriverà il periodo dove ciò che è “giusto” nel grado secondario, può ristabilirsi, applicandosi ai termini fissati per il contratto. Così la guerra aperta alla guerra non è nella sua natura contraria alla pace: è un preliminare necessario alla pace.

Gli anni di pace si basano su conclusioni di forza relativa che possono essere raggiunte solo in guerra: conclusioni che affermano ciò che è fondamentalmente “giusto” sia in relazione ai poteri internazionali che a quelli intranazionali. Una classe o una nazione di volta in volta farà franare una lotta in termini primari, e al momento giusto, con gli avversari dentro , considererà stracciati tutti i negoziati contrattuali. Dopo, il problema, di ciò che è stato considerato “principalmente giusto”, sarà riadattato. Questo è esattamente ciò che il termine “riaggiustare” significa, vale a dire, fare una valutazione, fino ad ora accettata, più accuratamente di quello che i poteri hanno fatto. Quindi possiamo affermare la conclusione: in tempi di pace se facciamo affari, è opportuno essere contenti di soddisfare e accontentarsi della loro semplice realizzazione: e non è in alcun modo possibile tentare di colpire gli imprenditori, i datori di lavoro o altri, per avere favori. Ma la guerra ha dichiarato che il negoziato è concluso totalmente, per il momento, e ciò che si può chiedere sta per essere deciso sulla base di argomenti non verbali ma concreti. Ciò che è “giusto” è per il momento in dubbio, ma sarà chiarito dalla menzogna dei combattenti alla fine della campagna. Una classe disgustosa, che non ha l’impronta istintiva, dove tutto questo è l’essenza della situazione, è così poco avanzata sulla via della rivolta, che difficilmente avrà il diritto di sostenere questo tratto distintivo. E nulla di buono – per loro o per gli altri -arriverà. Ci si alza, quando si è in grado di farlo.

PDF: “FRANGERE III- SUL TERRORISMO INDISCRIMINATO E IL MISANTROPISMO-ARCA”

Ricevo e pubblico

https://avyssos.altervista.org/pdf-frangere-iii-sul-terrorismo-indiscriminato-e-il-misantropismo-arca/

v7h5gldos03ksqrthn

PDF: “LA NOSTRA È UNA GUERRA SENZA RICORSO”- INTERVISTA A NICEVSCINA

Ricevo e pubblico:

https://avyssos.altervista.org/pdf-la-nostra-e-una-guerra-senza-ricorso-intervista-a-nechayevshchina/

8nq2s5fnd870ofkaka

NIENTISMI II

Ciò che Dostoevskij sta affrontando è la visione del mondo positivista, che è la conclusione logica della matematica e delle scienze naturali, così come l’etica positivista o socialista ad essa connessa. Il motto di tale etica è: scientifico, logico, razionale.

I Bazarov che proclamano questo motto difendono sia l’illuminazione intellettuale che le riforme economiche. Per una volta l’intelletto è illuminato e “il senso comune o la scienza completamente rieducano la natura originale dell’uomo e la guidano per mezzo di formule”, cioè, una volta che arriviamo ad agire “secondo la ragione o la scienza”, capiremo dove il nostro vero e normale interesse mente e quali sono i nostri desideri “razionali e vantaggiosi”. Il controllo della ragione rende razionali tutti i desideri, impedendo loro di prendere una direzione cieca e irrazionale che andrebbe contro i normali interessi della persona, supponendo che nessuno agisca deliberatamente contrario ai propri interessi. Allo stesso tempo prende forma una nuova serie di relazioni economiche, la cui idea guida è che per qualsiasi problema si possa trovare una soluzione pronta. Un “palazzo di cristallo” è eretto per l’anima interiore e per la società, senza un unico sistema trasparente dal quale sono state eliminate tutte le tracce dell’irrazionale, dell’anti-scientifico, o del primitivo e dell’incivilizzato.

Come è noto, Dostoevskij si oppose con veemenza a una visione intellettuale-razionale dell’etica e delle teorie sociali del positivismo e del socialismo, e portò avanti uno scontro sempre più profondo con esse durante tutta la sua vita. La sua opposizione scaturiva naturalmente dal fatto che le vedeva condurre alla morte dell’anima, la meccanizzazione dello spirito umano, la trasformazione interna delle persone in un gregge e la privazione della vera libertà. La libertà era per lui il fondamento dell’umanità dell’essere umano. Era la fonte della personalità e dell’individualità, da cui tutta la morale e l’etica disegnavano la loro vita.

Più radicalmente, la libertà apre la strada al problema religioso della fine dell’esistenza umana, al problema dell’immortalità dell’anima, a Dio. La libertà, l’immortalità dell’anima e l’esistenza di Dio sono stati problemi di vita e di morte per l’esistenza umana fin dai tempi antichi, come vediamo, ad esempio, nella filosofia pratica di Kant. Come Schelling aveva prodotto nel suo “Trattato sull’Essenza della libertà umana”, Dostoevskij ha inteso la libertà come libertà per il male come pure per il bene. A meno che non si comprenda il sé in questo tipo di libertà, non si può comprendere il significato religioso di cose come il male, il peccato, la punizione, l’amore e la redenzione.

I problemi della fede nell’immortalità, la fede nell’uomo-Dio, la ribellione contro Dio e il percorso verso l’uomo – Dio può rivelare il fondamento ultimo dell’esistenza umana. Tale era la costante convinzione di Dostoevskij.

Inoltre, proprio come la libertà conduce al mondo religioso, così la religione determina la libertà e la sua moralità. La fede nell’immortalità o in Dio non regge, questo necessariamente si traduce in una moralità demoniaca (o una moralità del “posseduto”) in cui “si è perdonati, qualunque cosa si possa fare”. Se nell’anima non c’è una base immortale quindi l’anima deve essere interamente soggetta alle leggi della natura. E se è così, per evitare l’auto-inganno non c’è altra scelta che suicidarsi. (Dostoevskij elabora la logica di questa conclusione in un saggio intitolato “Suicidio e immortalità”.)

Che sia possibile credere nell’immortalità o che Dio determini se la libertà umana si orienta verso Dio o verso il Diavolo, indipendentemente dal fatto che una vita possa essere vissuta senza autoinganno, anzi se la vita vale la pena di essere vissuta o desiderata, sono problemi religiosi, filosofici ed etici che nascono dalle profondità interiori dell’anima o della natura spirituale. Collocare una contrapposizione, può essere rivelata, solo attraverso questi tipi di problemi, come le profondità interiori dell’anima o dello spirito, la portata ultima dell’esistenza umana. Il positivismo e il socialismo bloccano la possibilità che sorgano tali questioni; c’è qualcosa in loro che nasconde le profondità interiori dell’anima. Esprimono deliberatamente l’esistenza del regno interiore, trascurando così il luogo in cui la vera libertà (come, ad esempio, nella “pura durata” di Bergson) avviene e si occupa solo degli strati superficiali della psiche che possono essere considerate meccanicamente, e ridotte a leggi della difformità “due volte due è quattro”. Negano l’immortalità dell’anima e l’esistenza di Dio interamente, per prendere posizione con l’ateismo.

Dostoevskij detestava questo modo di pensare proprio perché porta alla dimenticanza e alla perdita del vero significato dell’esistenza umana, perché rende immemore l’abisso dell’anima in virtù del quale l’anima può veramente essere anima e gli esseri umani non possono essere una mandria di animali. A questo proposito, tutte le teorie socialiste arrivano alla stessa circostanza, nella misura in cui sono basate sul razionalismo scientifico.

Dostoevskij non visse per sperimentare l’ascesa del marxismo in Russia. Quello che conosceva era il socialismo di Fourier, il positivismo di Comte e di altri, e i movimenti sociali e il nichilismo in Russia che erano influenzati da essi. La prima parte di “Memorie dal Sottosuolo”, la sezione filosofica del libro, si afferma che sia un lavoro contro il romanzo di Chernyshevsky, pubblicato in quel periodo, “Che fare?”. Il “palazzo di cristallo” a cui si è alluso in precedenza è destinato a essere una caricatura della falange, la comune cooperativa sostenuta dal Fourier-ismo su cui si basa il romanzo di Chernyshevsky.

Il movimento socialista russo, naturalmente, oltrepassò Fourier e, dopo la morte di Dostoevskij, progredì fino al marxismo. Tra le varie teorie socialiste, incluse quelle di Fourier e Marx, ci sono differenze di sostanza e qualità, compresa una progressione dal “fantasioso” al “scientifico”. Ma quello a cui Dostoevskij si oppose era la tendenza comune nelle loro basi assolute , dell’insieme di principi che regolano l’approccio alla comprensione dell’essere umano. Questa è la ragione per l’intensità, la persistenza e la serietà della sua opposizione. È stato il suo genio a risolvere immediatamente il problema principale e portarlo avanti fino alle conclusioni finali.

Dopo Dostoevskij, Nietzsche condusse un’ulteriore e più severa critica della democrazia moderna e del socialismo, quali tendenti a trasformare le persone in un docile gregge di “uomini medi”. Individuò in particolare in Rousseau la fonte di tali idee. Anche Dostoevskij mette in ridicolo Rousseau nelle sue “Memorie del Sottosuolo”, per aver esaltato l’uomo della natura e della verità, sottolineando che poiché “l’uomo della natura e della verità” è generalmente stupido in ogni caso, si sente giustificato a vendicarsi contro di esso. Egli trova anche la costante auto-diffamazione di Rousseau nelle Confessioni, una menzogna deliberata sparsa al servizio della propria vanità. In altre parole, l’uomo della natura e della verità diventa un uomo innaturale di menzogne quando è una problema per se stesso.

L’uomo del sottosuolo dice che, a differenza di Rousseau, sta scrivendo i suoi appunti “perché voglio provare a esperimentare, se si può essere perfettamente sinceri, anche con se stessi, e non spaventare l’intera verità” (XI). Va oltre “l’uomo normale che è uscito dal grembo della natura”; questa è la differenza tra la “verità” cercata da Rousseau e da Dostoevskij, tra chi vede la “natura” e la salute come normali, e l’uomo fatto da una replica che considera normale affermare che “tutta la coscienza è una malattia”.

Qui sta lo scisma tra i punti di vista di Rousseau come la fonte del socialismo e Dostoevskij che si oppose a lui come un topo in un seminterrato sotterraneo. Nelle parole dell’uomo del sottosuolo: “Potrebbe esserci anche nel topo un maggiore accumulo di dispetti e desideri cattivi che nell’homme de la nature et de la verite.” Per Rousseau è l’abisso dell’anima in cui Dio e il diavolo combattevano. In “Memorie del Sottosuolo”, tuttavia, questo tipo di sostrato teologico – o forse dovremmo dire teosofico e apocalittico – non è ancora apparso. La visione etica del socialismo e la sua critica sono presentate semplicemente nei termini dei principi in questione, sebbene con straordinaria accuratezza.

Come accennato in precedenza, quando la coscienza si scontra con il mondo governato dalle leggi matematiche della natura, il mondo come “razionale”, viene spinto nella “contemplazione” e gradualmente diventa inerte. Questa inerzia significa che il controllo delle leggi della natura è in realtà il prodotto della coscienza e influisce così profondamente sul proprio funzionamento. L’unica resistenza contro di essa è la disperazione e il piacere nella disperazione. In quest’ultima, si percepiscono intimamente, o si mettono in pratica, “desideri brutti e di base” di cui l’individuo normale non è consapevole. Nell’abbandono di questi desideri, l’individuo viene tormentato da una coscienza colpevole, che a sua volta genera piacere nell’umiliazione.

La ragione per cui Dostoevskij enfatizza la disperazione e l’umiliazione, e il piacere in essi, è che costituiscono l’ultima dichiarazione di un assoluto rifiuto di accettare o di compromettere il controllo del sé con “due volte due è quattro”.

Un individuo normale che non possiede l’iper-coscienza di pensare in un inerzia contemplativa ed entrare nel mondo sotterraneo, si inchina prontamente davanti al “muro” del mondo razionale, e con un sospiro di sollievo torna al lavoro. Di conseguenza, arriva a pensare che il suo sano senso della giustizia e degli interessi razionali non possa che reggersi su un mondo così razionale.

La visione scientifica insieme a quella razionale del mondo, conduce all’etica e alle relazioni sociali scientifico-razionali. In questo modo viene eretto il “palazzo di cristallo”, in cui si scoprono le leggi del libero arbitrio, e tutti i desideri e il comportamento sono regolati con precisione e fino all’ultimo dettaglio, accuratamente catalogati e sommati al calcolo immutabile di una tavola logaritmica. L’individuo che è stato guidato dalla scienza e dalla ragione diventa “come se non avesse mai avuto il libero arbitrio o il capriccio”, ancorché di “la tastiera su un piano”. In virtù delle leggi della natura si diventa spontaneamente buoni e puri in un modo spaventosamente facile, pienamente informati, dove i propri interessi sono normali. Con ciò si realizza l’ideale dei “filantropi”.

Questa è, certamente, una caricatura ironica, o distorsione della realtà.

Ma la caricatura è per molti versi più vera della realtà, la distorsione più vera alla vita rispetto allo stato attuale delle cose. La tacita presunzione dietro tutte le teorie socialiste è la negazione della libertà che trasforma le persone in chiavi del pianoforte che vengono colpite dalle dita delle leggi necessarie.

Per Dostoevskij, essere privati della libertà è morire e resiste senza riserve. Nel palazzo di cristallo si sente come “sporgere la lingua [o] sfiorando il naso di nascosto”, così tanto come voler vivere come si vuole. Anche nel caso di ciò che va contro i normali interessi e contraddice i dettami del buon ragionamento, nel caso di “sciocchezze estremamente antieconomiche e sciocchezze”, o dell’opposizione ai nuovi schemi delle relazioni economiche o dell’illuminazione intellettuale, la cosa importante quando tutto è detto e fatto è essere in grado di desiderare queste cose. “Bisogna farlo in modo deciso, non importa cosa,” dice l’uomo del sottosuolo. Anche volendo deliberatamente il più grande svantaggio, la mia volontà è più vantaggiosa di tutti gli interessi razionali combinati, ed è questo il miglior interesse che i sostenitori del benessere dell’umanità hanno lasciato fuori dai loro calcoli.

Voi gentiluomini potreste dirmi che sono un siffatto uomo illuminato e avanzato, in breve, come sarà il futuro uomo, non potrà desiderare consapevolmente qualcosa di svantaggioso per se stesso, dato che questo può essere dimostrato matematicamente. . . . Ma c’è un caso, uno solo, quando l’uomo può intenzionalmente, consapevolmente, desiderare ciò che è ingiurioso per se stesso, ciò che è stupido, molto stupido – semplicemente per avere il diritto di desiderare per se stesso anche ciò che è molto stupido e non essere vincolato dall’obbligo di desiderare solo ciò che è razionale. . . . Avrebbe deliberatamente desiderato la sporcizia più fatale, l’assurdità più antieconomica, semplicemente per introdurre in tutta questa razionalità positiva il suo fatale elemento fantastico.

Sono i suoi sogni fantastici, la follia volgare, che vorrebbe mantenere, semplicemente per dimostrare a se stesso che gli uomini sono ancora uomini e non chiavi del pianoforte. . . (VIII)

AION: “V”

abbandono – puro vuoto
superare la vita
dissolvenza nello spazio senza limiti
sulle rive del deserto – grigio ma radioso

oltre la disperazione
così eterno
la sostanza più arcana dell’assenza
la profondità del vuoto creata nella morte
la sfera eterna formata dal tuo decedere

il nostro sangue si è trasformato in vetro mentre mietiamo
il sole rosso
di morte
a mezzanotte

follia di questa consapevolezza
delirante orrore della conoscenza
il peggior martire imposto alla coscienza
bruciando in maniera inesorabilmente limpida

eppure questa chiarezza brucia tutto
consuma tutto
ti lascia denudato
persino spogliato del tuo essere

bellezza inenarrabile di questo destino crudele
tra estasi e grida di sgomento

mente sospinta all’incandescenza
tutto è consumato
nell’orrida calma dell’estasi

deliquio – discesa interminabile
svanire nell’ignoto
al crepuscolo della perdizione
l’inesorabile enigma
di morte

nessuna via di fuga, nessuna salvezza
l’unica illuminazione nell’accettazione dell’autunno
il sentiero luminoso dell’annientamento
tra il Tempo e l’Eternità

CAOS E DIVENIRE

NIETZSCHE INTERPRETE DI ANASSAGORA

L’interpretazione nietzscheana del pensiero di Anassagora si inserisce all’interno della più ampia analisi che Friedrich Nietzsche conduce intorno alla filosofia presocratica. Quindi, da un lato, l’interesse per Anassagora fa parte di un interesse più generale nei confronti di quella cultura greca che per prima si è posta ad analizzare il fenomeno del divenire e a questo, attraverso la filosofia, ha cercato di dare una risposta.Dall’altro lato, Nietzsche distingue il pensiero di Anassagora da quello degli altri filosofi presocratici in virtù della particolare risposta che egli avrebbe fornito al problema del divenire laddove, secondo Nietzsche, il mondo anassagoreo è una σύμμειξη a cui il νοῦς imprime movimento trasformando quello che Nietzsche chiama “il caos di Anassagora” senza, però, reprimerne la natura molteplice e imprevedibile. In quest’ottica, allora, intendiamo mettere in evidenza come, secondo Nietzsche, la cosmologia di Anassagora si contrapponga nettamente a quella parmenidea, nei confronti della quale non ha nessun debito, e che quella stessa cosmologia è, invece, in linea con il pensiero di Eraclito, colui che Nietzsche chiama il filosofo del divenire per eccellenza. Anassagora, infatti, così come Eraclito, riconosce l’innocenza e l’ateleologicità del divenire poiché il movimento che il nous imprime alla σύμμειξη è privo di qualsiasi fine ultimo esterno ed è, proprio per questo, imprevedibile. Se, però, si è abbastanza abituati a legare Nietzsche ad Eraclito attraverso il comune denominatore del divenire, meno usuale è l’immagine di Nietzsche interprete della filosofia di Anassagora. Il nostro intento, allora, è proprio quello di studiare tale immagine allo scopo di mettere in evidenza che ruolo giochi all’interno del pensiero nietzscheano l’interpretazione di Anassagora.

Si cercherà, infatti, di dimostrare come il filo conduttore dell’indagine nietzscheana intorno ad Anassagora è lo stesso che percorre tutta la sua filosofia, ossia l’affermazione di una visione dinamica del mondo che, basandosi su concetti come quello di caos, non soltanto si contrappone al meccanicismo ed al teleologismo, ma esprime tutta la complessità di una natura estremamente variegata e rispetto alla quale l’uomo non è qualcosa di estraneo che la definisce e la controlla, ma un suo elemento accanto ad altri molteplici elementi che la compongono. Infatti, il Nietzsche che interpreta Anassagora è lo stesso che dialoga con la scienza del suo tempo e che attraverso certe letture scientifiche sviluppa quella teoria che, rifiutando il teleologismo ed il meccanicismo, si fonda sull’eterno ritorno del divenire inteso come l’incessante movimento di molteplici Kraftzentren che si incontrano e si scontrano tra di loro dando vita a sempre diverse combinazioni.

Così, quell’antiteleologismo che Nietzsche sembra trovare in Anassagora egli lo ha già letto in Ruggiero Giuseppe Boscovich che, infatti, viene descritto in Jenseits von Gut und Böse come colui che insegnò a rinnegare la fede nell’esistenza di qualcosa di ultimo non ulteriormente divisibile da cui tutto deriva. Ma ancora prima di Boscovich Nietzsche legge Hermann von Helmholtz, Johan Karl Friedrich Zöllner, Gustav Fechner e tanti altri che, come confesserà egli stesso in una lettera dell’aprile del 1873 all’amico Carl von Gersdorff, sente la necessità di leggere durante la preparazione di Die Philosophie in tragischem Zeitalter der Griechen. Vedremo, dunque, come sono proprio tali letture che Nietzsche ha in mente quando afferma che Anassagora è colui che ha potuto evitare di derivare la pluralità dall’unità e il divenire dall’essere grazie alla sua concezione della materia originaria come σύμμειξη, ossia come composto in cui la molteplicità viene salvaguardata ed attraverso cui Anassagora è arrivato a pensare la legge di conservazione della forza e della indistruttibilità della materia.

È proprio in Die Philosophie in tragischem Zeitalter der Griechen che Nietzsche parla di caos in relazione al pensiero di Anassagora laddove afferma che:

in ogni caso è esistito un tempo, uno stato di quegli elementi – non importa se di breve o di lunga durata – in cui il nous non aveva ancora agito su di essi, e in cui essi erano ancora immobili. Questo è il periodo del caos di Anassagora […]. Il caos di Anassagora non è una concezione senz’altro evidente: per coglierla, si deve aver compreso l’idea che il nostro filosofo si è formato riguardo al cosiddetto divenire.

Quello che, infatti, qui Nietzsche chiama caos è ciò che Anassagora definisce nel frammento 4, σύμμειξη παντων, ossia “la mescolanza di tutte le cose” in cui non era distinguibile alcun colore. Così, Anassagora arriva ad affermare che «nel tutto si trova tutto» perché se, osservando i fenomeni riguardanti la nascita della natura, egli ha visto che «persino il contrario può sorgere dal contrario, per esempio il nero dal bianco», allora, tutto è possibile e, quindi, tutto contiene tutto. A tale proposito, dice Nietzsche:

Egli dimostrò la cosa a questo modo: se persino il contrario può sorgere dal contrario, per esempio il nero dal bianco, allora tutto sarà possibile; ma tale fenomeno si verifica appunto nel disciogliersi della bianca neve nella nera acqua […]. Se peraltro tutto può sorgere da tutto, il solido dal fluido, il duro dal molle, il nero dal bianco, la carne dal pane, allora tutto deve essere altresì contenuto in tutto. I nomi delle cose esprimono in tal caso soltanto la prevalenza di una sostanza sulle altre sostanze.

Dunque, il νοῦς ” rispetto a questa mescolanza indistinta è ciò che le dà movimento. Infatti, questo nous, che Anassagora definisce “λεπτότατόν τε πάντων ξρημάτων καὶ καθαρώτατον ”, è ciò da cui ha origine il processo di distinzione delle diverse cose, ossia quello che in termini nietzscheani è il processo del divenire. L’intento di Nietzsche è quello di far emergere come il movimento che il νοῦς ” imprime alla mescolanza non è un semplice separare ciò che originariamente era mescolato, bensì un mutare l’ordine e la disposizione di quella mescolanza che tale rimane, ma che, allo stesso tempo, si concretizza nelle cose. Queste sono, quindi, sempre una pluralità e una molteplicità di sostanze tra le quali, però, una prevale sulle altre e in questo prevalere dà il nome alla cosa stessa. Proprio Anassagora, infatti, alla fine del frammento afferma che, a differenza dell’intelligenza che «è tutta quanta simile», invece “dell’altro”, cioè di tutte le altre cose che intelligenza non sono, bensì mescolanza e divenire, «nulla è simile a nulla, ma ognuno è ed era costituito delle cose più appariscenti delle quali più partecipa». Ciò significa esattamente quello che Nietzsche chiama Übergewicht, ossia la prevalenza interna ad ogni cosa. Infatti, tutto ciò che è, può essere e ha una sua unità ed omogeneità soltanto a partire dal fatto che esso è una pluralità di sostanze, è un composto, un aggregato in cui, grazie al movimento e al divenire che lo caratterizzano, alcune di queste molteplici sostanze prevalgono sulle altre e fanno sì, in tal modo, che questo aggregato sia diverso da un altro e così via poiché ognuno avrà una certa prevalenza piuttosto che un’altra. Il termine tedesco Übergewicht, che Giorgio Colli traduce “prevalenza”, esprime proprio l’idea di qualcosa che è più pesante delle altre, che ha la meglio sulle altre perché in qualche modo più forte. Il fatto che, secondo Nietzsche, questo prevalere, questo avere la meglio di un elemento tra molteplici non sia altro che un processo dinamico che implica, dunque, il movimento e il confronto tra questi stessi molteplici elementi, ci spinge a ricondurre l’interpretazione nietzscheana del frammento 12 di Anassagora a quelle Kombinationen der Kraftzentren attraverso cui Nietzsche descrive il modo stesso di essere del mondo. E qui ritornano le letture scientifiche di Nietzsche ed in particolare quella di Boscovich la cui teoria viene definita come la miglior confutazione dell’“atomistica materialistica”.

Per Nietzsche, infatti, la teoria dinamica del Boscovich, oltre ad avere una rilevanza scientifica, risulta essere significativa anche su un piano più strettamente filosofico e gnoseologico poiché si oppone al “bisogno atomistico” insito nella filosofia classica (da Socrate in poi) di volere ridurre e semplificare un mondo che, al contrario, è estremamente complesso e molteplice e che esprime questa natura proprio nella dinamicità e attività delle forze che lo compongono. Nietzsche, riprendendo la terminologia di Boscovich, parlerà di una molteplicità di Kraftquanten, di quanti di forza che, attraverso il loro rapporto di tensione, si combinano continuamente tra di loro dando, così, vita alle diverse cose del mondo.

È, dunque, proprio in quest’ottica che Nietzsche spiega la mescolanza originaria di Anassagora e come da essa derivino le cose che chiama aggregati, composti, ciò che soltanto più tardi, maturate e approfondite le sue conoscenze scientifiche, egli chiamerà Kombinationen der Kraftzentren.

Nietzsche, allora, lega insieme caos, divenire e νοῦς perché è proprio dalla loro complessa relazione che nasce ogni cosa, ossia ciò che Nietzsche chiama Übergewicht, prevalenza:

L’esperienza mostra che questa prevalenza può essere prodotta gradualmente solo attraverso il movimento e che la prevalenza è il risultato di un processo da noi chiamato comunemente divenire; per contro il fatto che tutto sia in tutto non è il risultato di un processo, ma al contrario è il presupposto di ogni divenire e di ogni esser mosso, ed è quindi anteriore ad ogni divenire.

Il caos, ossia “il fatto che tutto sia in tutto”, è il presupposto del divenire che, a sua volta, scaturisce da quel caos attraverso il movimento che il νοῦς  gli imprime. In questo modo la natura molteplice delle cose del mondo viene garantita dal fatto che essa non dipende dal movimento di cui il νοῦς  è materialmente responsabile, ma da una mescolanza originaria che è tale, ossia è molteplicità, indipendentemente da qualsiasi movimento che, al contrario, la presuppone. È proprio tale mantenersi della mescolanza e, quindi, della molteplicità all’interno delle cose che fa dire ad Anassagora nel frammento 12:

«Completamente però nulla si forma, né si dividono le cose l’una dall’altra tranne che dall’intelligenza».

Secondo Nietzsche, è proprio questo non formarsi definitivamente delle cose che garantisce il movimento continuo, ossia il divenire, per cui non vi è effettivamente un nascere e un perire, ma soltanto un processo di composizione e scomposizione a partire dalle cose che sono. È a tale proposito che Nietzsche interpreta Anassagora come colui che non possiede nessun debito nei confronti di Parmenide, ma che, al contrario, sviluppa un pensiero opposto a quello parmenideo poiché se Parmenide negò il nascere ed il perire allo scopo di affermare l’immobilità e l’unicità dell’essere, Anassagora, al contrario, nega nascere e divenire soltanto laddove questi non vengano intesi semplicemente come il continuo comporsi e dividersi della materia. Allora, ciò su cui Nietzsche pone l’accento non è tanto la negazione di nascere e perire, quanto piuttosto l’affermazione di composizione e scomposizione attraverso cui il divenire non viene negato, ma soltanto spiegato a partire da quella mescolanza che viene messa in movimento dal νοῦς.

È in questo senso che si può affermare l’indistruttibilità della materia; essa, infatti, non è destinata a scomparire, ossia a perire, ma continua a vivere eternamente grazie ad un ininterrotto processo di composizione e scomposizione, aggregazione e disgregazione delle molteplici parti che la compongono. Dunque, è proprio la natura molteplice e plurale di tale materia che le fornisce il carattere dell’indistruttibilità.

Secondo l’ottica proposta da Nietzsche, quindi, la cosmologia di Anassagora si fonda sul primato di un’unità derivante dalla molteplicità rispetto a un’unità immobile e indivisibile. In questo modo Anassagora incarna una logica diametralmente opposta a quella parmenidea poiché ciò che è, secondo Anassagora, può essere proprio grazie a quello che, per Parmenide, invece, è il non-essere: il divenire, la molteplicità. Infatti, la materia è, secondo Anassagora, indistruttibile e, dunque, eterna poiché è un aggregato, ossia l’unione, nel rispetto della loro differenza, di diverse molteplici sostanze che si muovono continuamente e che vivono grazie a tale movimento; ciò che per Parmenide era non-essere, il divenire, la molteplicità, in Anassagora è divenuto il fondamento dell’essere. Quest’ultimo, però, non si distingue più nella contrapposizione al non-essere poiché tale contrapposizione nell’interpretazione nietzscheana di Anassagora non sussiste più. L’unità non si contrappone alla molteplicità, ma, al contrario, deriva da essa, ossia deriva dal continuo combinarsi e scombinarsi degli elementi da cui la σύμμειξη è composta. L’affermazione del divenire e della molteplicità non implica la negazione dell’unità, ma soltanto l’affermazione di un nuovo modo di intendere l’unità, ossia come organizzazione che nasce dalla mescolanza continua.

Nietzsche, allora, sente la necessità di sottolineare la differenza che intercorre tra questo caos di Anassagora e l’indeterminato di Anassimandro proprio perché egli dice: «la mescolanza di Anassagora è un composto, mentre l’indeterminato di Anassimandro è un’unità».

La conseguenza più importante di tale differenza, è, secondo Nietzsche, che Anassagora ha potuto evitare di «derivare la pluralità dall’unità, il divenire dall’essere». All’interno dell’ottica nietzscheana unità e molteplicità, divenire ed essere non sono più l’uno la negazione dell’altro, bensì due facce della stessa medaglia, due diversi punti di vista da cui vedere la medesima realtà che altro non è che movimento, attività. Infatti, questa realtà, che Nietzsche chiama caos, è, da un lato, unità ed essere se la consideriamo come combinazione, organizzazione, ordine, dall’altro lato, molteplicità e divenire se la consideriamo come combinazione di molteplici elementi che derivano dalla scombinazione di organizzazioni precedenti e che, a loro volta, produrranno altre diverse combinazioni.

Dunque, usando il termine caos per riferirsi alla σύμμειξη anassagorea, Nietzsche vuole evitare di identificarla con l’άπειρον anassimandreo, come, invece, Aristotele aveva fatto. Sarebbe, infatti, un errore pensare che il compenetrarsi, ossia il mescolarsi, di tutti quei punti, che sono σπερματα e che Nietzsche chiama “grani seminali di tutte le cose” o “i granelli degli elementi naturali”, sia equiparabile alla materia primordiale di Anassimandro. Per Nietzsche, infatti, Anassagora si è rappresentato l’esistenza originaria, cioè la σύμμειξη, come l’insieme di punti infinitamente piccoli, ma, allo stesso tempo, semplici e distinti. Infatti, da un lato, la divisibilità permette il mescolarsi, ossia il compenetrarsi di tali punti, dall’altro, il loro carattere specifico permette di parlare di aggregato piuttosto che di unità indistinta e, quindi, garantisce quella pluralità e diversità che sono la base stessa del divenire. In questo modo, Nietzsche lega strettamente tra di loro il divenire, la e σύμμειξη gli σπερματα poiché diviene soltanto ciò che si trasforma, ciò che si compone e si divide e può comporsi e dividersi, aggregarsi e disgregarsi e, quindi, divenire, soltanto ciò che è molteplice, ossia ciò che ha al suo interno elementi che possano comporsi e dividersi, aggregarsi e disgregarsi e, dunque, muoversi.

Ancora una volta, quindi, Nietzsche pone Anassagora tra coloro che piuttosto che annullare le diversità, le differenze, il movimento all’interno di un sistema in cui domina un’unità che scaturisce dall’identità e dall’immobilità, al contrario fa nascere l’unità, cioè il comporsi, il formarsi di qualcosa, proprio dall’originaria mescolanza, dall’originaria pluralità che non viene mai annullata, ma soltanto trasformata e ordinata attraverso il divenire.

A salvaguardare tale divenire è, secondo Nietzsche, il carattere assolutamente arbitrario dell’attività del νοῦς. Esso è, infatti, privo di un carattere teleologico. Ecco perché Nietzsche afferma che:

Si fa davvero torto ad Anassagora, quando gli si rimprovera il suo saggio astenersi – come risulta in questa concezione – dalla teleologia, e quando si parla con disprezzo del suo nous, come di un deus ex machina.

Nietzsche, allora, interpreta il carattere indipendente e libero del νοῦς come segno della sua totale arbitrarietà e, quindi, della totale mancanza in esso di un ordine o di un fine intesi come ciò verso cui tutto il mondo e l’agire stesso dell’uomo devono tendere. Al contrario, Nietzsche reputa «di una mirabile arditezza e semplicità» la concezione anassagorea del mondo inteso come il distinguersi di diverse sostanze attraverso dei vorticosi movimenti circolari provenienti da un primo impulso prodotto dal νοῦς. Tale concezione é, secondo Nietzsche, priva di qualsiasi antropomorfismo e teleologia. Infatti, Anassagora stesso parla di un νοῦς ” che εκρατησεν quando nel frammento 12, a proposito della sua attività, dice:

E alla rotazione universale dette impulso l’intelligenza, sì che da principio si attuasse il moto rotatorio […] tutte dispose l’intelligenza, e la rotazione che è percorsa ora dagli astri, dal sole, dalla luna e da quella parte di aria e di etere che si va formando.

A partire da ciò, Nietzsche descrive il movimento cosmologico anassagoreo come un movimento circolare che ha inizio da qualche parte nella mescolanza e che ha lo scopo di raggiungere un punto in cui «tutto l’omogeneo sia raccolto e le esistenze primordiali, indivise risultino ormai disposte in bell’ordine l’una accanto all’altra». Se,quindi, da un lato, Nietzsche riconosce come propria di Anassagora l’idea di un movimento finalizzato a ordinare la mescolanza caotica iniziale (rapporto tra la mescolanza originaria, il caos e l’ordine da imporre al caos), dall’altro lato, però, egli sottolinea come tale scopo ancora realizzata perché mescolanza e disordine sono infiniti e perché si tratta di un processo sconfinato che non può verificarsi con un solo colpo di bacchetta magica. In ogni caso, secondo Nietzsche, l’ordine che il νοῦς anassagoreo dovrebbe realizzare all’interno della mescolanza originaria e da cui dovrebbe nascere il cosmo non annulla quelli che sono i caratteri specifici di questa mescolanza perché tale cosmo nasce e si sviluppa a partire dal caos originario soltanto grazie al movimento circolare impresso dal νοῦς, movimento che non è temporaneo e limitato, bensì infinito poiché è ciò attraverso cui il cosmo vive e si conserva. Attraverso questa interpretazione Nietzsche torna, così, a mettere in evidenza il distacco di Anassagora dai suoi predecessori ed in particolare da Parmenide perché se per quest’ultimo ordine e cosmo significano quiete e stasi, al contrario, per Anassagora il vero ordine del mondo è il movimento circolare che lo caratterizza incessantemente, ossia il divenire.

Allora, il parlare di un processo sconfinato del movimento, del carattere infinito della mescolanza, di moti circolari, esprime già l’esigenza nietzscheana di negare una fine del movimento, cioè di negare uno stato finale (Finalzustand). È proprio quest’esigenza che porterà Nietzsche a parlare di un eterno ritorno dell’identico in cui il movimento è circolare ed infinito. In questo modo, risulta qui evidente come dietro l’interpretazione nietzscheana del νοῦς e della σύμμειξη risieda il progetto di affermare il principio di conservazione dell’energia che, invece, il secondo principio della termodinamica, ossia l’affermazione della morte termica dell’universo (Rudolf Clausius e William Thomson), aveva messo in discussione. Se il movimento che il νοῦς imprime alla mescolanza originaria è circolare ed eterno, allora, da un lato, la circolarità significa limitatezza, significa che il mondo, dal punto di vista quantitativo, ha sempre un confine, dall’altro lato, l’eternità significa un’infinitezza temporale, significa, dunque, che il movimento è esso stesso infinito e continuo. In questo modo, se il mondo è sempre movimento, ossia il combinarsi e lo scombinarsi incessante degli elementi che lo compongono, il suo confine non sarà mai sempre lo stesso, ma varierà continuamente con il variare delle combinazioni. Questo intreccio di circolarità ed eternità, limitatezza quantitativa e infinità temporale porterà Nietzsche all’affermazione dell’eterno ritorno inteso proprio come il ripetersi della forza che, dunque, non raggiungerà mai uno stato finale, ma si conserverà eternamente. È in questo senso che Nietzsche sostiene che la conservazione dell’energia esige l’eterno ritorno. Inoltre, la negazione di un Finalzustand significa anche negare che il movimento dell’universo sia teleologicamente e meccanicisticamente determinato e che, quindi, possa essere, in un certo senso, prevedibile perché legato ad un processo, ad un cammino che non può non svolgersi, che è già stabilito.

Dunque, quando Nietzsche afferma che Anassagora «concepisce la legge di conservazione della forza e dell’indistruttibilità della materia» egli ha in mente qualcosa di molto preciso. Infatti, tale forza che si conserva non è altro che il movimento stesso che appunto è eterno, o meglio ciò da cui scaturisce il movimento, ossia il νοῦς che per Nietzsche, però, non è la conoscenza consapevole, bensì la vita, il principio del movimento. Allo stesso modo, la materia indistruttibile di cui Nietzsche parla non è altro che la mescolanza originaria, la quale è tale proprio perché non si esaurisce mai grazie al movimento che il νοῦς le imprime e che le permette di raggiungere un ordine che ogni volta non è mai assoluto. Ciò che, però, ci interessa mettere in evidenza è che in tale interpretazione la terminologia nietzscheana non è affatto casuale e ancora una volta può essere ricondotta al rapporto di Nietzsche con alcune teorie scientifiche del suo tempo. Il volere utilizzare il termine forza per riferirsi al νοῦς anassagoreo è un modo da parte di Nietzsche per liberare questo concetto da qualsiasi residuo antropomorfico e teleologico. È, infatti, proprio in questo senso che Nietzsche stesso utilizzerà il concetto di forza (Kraft) all’interno della sua cosmologia poiché rifacendosi, oltre che a Boscovich e a Helmholtz, anche a Julius Robert Mayer e a Johann Gustav Vogt egli parlerà di una Kraft, o meglio di una Gesamtlage aller Kräfte che altro non è che Tätigkeit, ossia attività. Così, definire la forza come attività e come ciò da cui l’attività scaturisce permette di vederla soltanto come un principio fisico-cosmologico che non ha nulla di antropomorfico. Inoltre, se la forza è attività e il mondo stesso è l’insieme di tutte le forze, allora, il mondo sarà esso stesso attività e dunque, sarà sempre in movimento e grazie a questo si conserverà in quanto insieme di molteplici forze. Allora, per Nietzsche, la forza si conserva nella cosmologia di Anassagora perché il movimento che il νοῦς imprime è infinito, eterno e ciò a cui l’imprime è molteplice e qualitativamente sempre diverso.

Ciò detto risulta chiaro perché Nietzsche, anche se riconosce in Anassagora ancora un certo modo di intendere il movimento come strumento del νοῦς per la realizzazione di un ordinamento del caos originario, allo stesso tempo, vede in questo νοῦς qualcosa di straordinario e lontano da qualsiasi “balorda e antropomorfica teleologia”. Infatti, il dare impulso a questo moto rotatorio, secondo Nietzsche, è qualcosa che non avviene mai per dovere e con un fine preciso. Esso non è il risultato di un “ich will”, ossia di “un dio miracolistico” che plasma il mondo come gli pare, ma soltanto “una specie di vibrazione”, una forza, nel senso sopraddetto, che è necessaria perché non può essere diversamente da ciò che effettivamente è.

È, allora, in quest’ottica, che Nietzsche accusa i filosofi posteriori ad Anassagora, in particolare Platone, di aver tentato di trasformare il νοῦς in quel principio tipicamente metafisico che è la ragione intesa come unità trascendente che tutto spiega e che, in quanto trascendente, è ciò verso cui tutto deve tendere finalisticamente. Se, infatti, per primi proprio Platone e Aristotele accusarono Anassagora di non essersi servito del νοῦς come principio ordinatore, ossia come motore immobile verso cui il movimento è orientato, Nietzsche, invece, ha interpretato l’ateleologicità del νοῦς non come una mancanza del pensiero di Anassagora, bensì come una grandezza consapevolmente voluta da parte di chi aveva solo l’interesse a indagare ciò mediante cui una cosa è, ossia la causa efficiens, e non ciò per cui una cosa è, ossia la causa finalis. Dice Nietzsche:

Il nous è stato introdotto da Anassagora solo per rispondere alla domanda specifica: onde sorge il movimento e onde sorgono movimenti regolari? Secondo quanto Platone gli rimprovera, tuttavia, egli avrebbe dovuto dimostrare, ma non avrebbe invece dimostrato, che ogni cosa – nel suo modo di esistere e nel suo luogo – esiste appunto con la massima bellezza, eccellenza e finalità. Ma Anassagora non avrebbe osato sostenere questo neppure in un sol caso: per lui il modo esistente non era neppure il più perfetto che si potesse pensare, poiché egli vedeva sorgere ogni cosa da ogni cosa e osservava che la separazione delle sostanze per opera del nous non risultava compiuta….

Allora, ciò che Platone rimprovera ad Anassagora è ciò per cui, invece, Nietzsche lo loda. Anassagora, infatti, secondo Nietzsche, non ha fatto altro che osservare e descrivere un mondo in cui nulla era compiuto, perfetto e concluso. In tale mondo non esiste nessun fine ultimo e, in ogni caso, anche se questo esistesse, l’uomo non potrebbe mai esserne certo perché il νοῦς da cui tutto dipende è απειρος e , cioè è libero nel suo essere attività e, quindi, è imprevedibile e indeterminabile da parte dell’uomo. In questo modo il carattere arbitrario del νοῦς è ciò attraverso cui Anassagora, non soltanto afferma la limitatezza dell’agire e del conoscere dell’uomo rispetto al mondo naturale che lo circonda, ma, inoltre, salva quell’idea di caos originario che in un’ipotesi finalistica non avrebbe senso. Dice Nietzsche:

Egli si guardò bene di porre la questione sul perché del movimento, sul fine razionale del movimento. Se, infatti, il nous avesse dovuto realizzare attraverso il movimento uno scopo necessario secondo la propria essenza, non sarebbe allora più dipeso dal suo arbitrio il dare inizio in una certa occasione al movimento.

Infatti, solo l’arbitrarietà, che significa anche imprevedibilità, casualità e irrazionalità, può permettere il passaggio dal caos originario al movimento del divenire. Il νοῦς, infatti, non agisce volontariamente, ma è soltanto l’avvio del movimento che è presente in tutto ciò che esiste e che, quindi, non è giusto o sbagliato, ma semplicemente accade, si verifica. Ecco perché per Nietzsche è «una stupidaggine parlare di una personificazione dello spirito». Piuttosto, Nietzsche parla di un “gioco artistico” che “lo spirito anassagoreo” compie perché si comporta in maniera del tutto incondizionata ed innocente. In questo modo Nietzsche descrive il νοῦς e la sua attività nei termini della filosofia eraclitea che, non a caso, egli considera come la contemplazione e la giustificazione del divenire. Infatti, secondo Nietzsche, Eraclito è colui che, “simile al dio contemplativo”, vede il movimento del mondo come il gioco dell’Eone con se stesso, che costruisce e distrugge in piena innocenza. Ciò, quindi, che accomuna la cosmologia di Eraclito e quella di Anassagora è il fatto che per entrambi il divenire non soltanto è ciò che caratterizza il mondo, ma è anche privo di qualsiasi imputabilità morale, ossia è innocente, è un gioco casuale, privo di qualsiasi fine ultimo. In questo modo, Nietzsche riconosce Eraclito e Anassagora come appartenenti a quella stessa linea di pensiero che interpreta il mondo come una pluralità di elementi che si intrecciano tra di loro e che si muovono incessantemente senza uno scopo ultimo da raggiungere. Secondo Nietzsche, infatti, la natura di cui parla Eraclito è infinita perché infinito è il suo movimento, cioè quel divenire che non termina mai poiché non esiste nulla di immutabile.

Non a caso, Nietzsche, quando nella sua interpretazione del pensiero eracliteo fa riferimento a questo carattere infinito della natura che muta incessantemente, cita espressamente l’opera di Helmholtz, Abhandlungüber die Wechselwirkung der Naturkräfte, allo scopo di mettere in evidenza come la relatività e la limitatezza della percezione umana possano portare a credere erroneamente nell’esistenza di qualcosa di immutabile e finito così come accade con il calore, la cui fonte viene ipotizzata essere finita con la conseguenza che la scorta di forza meccanica del sistema-mondo sarebbe destinata ad esaurirsi laddove, invece, Helmholtz parla di un principio di conservazione della forza che è eterna perché si trasforma continuamente riciclandosi. Vediamo, dunque, come le teorie che sottostanno all’analisi nietzscheana di Eraclito sono le stesse che sottostanno a quella del pensiero di Anassagora come all’analisi di tutto il pensiero presocratico, la cui lettura è, quindi, guidata dal rapporto con la scienza del suo tempo e dalle esigenze filosofiche che hanno condotto Nietzsche a confrontarsi sia con i presocratici che con quella scienza. Così, ancora una volta, notiamo come Nietzsche ritenga che affermare l’infinitezza temporale del divenire, ossia l’eternità del movimento (concetto che egli ritrova, con le dovute differenze, sia in Eraclito che in Anassagora) e, dunque, la conservazione della forza intesa proprio come movimento ed attività, significhi negare ogni visione teleologica del mondo e il Finalzustand che ne consegue. Quest’idea dell’infinitezza del divenire, che Nietzsche scorge in Eraclito e che attribuisce anche al movimento circolare che il νοῦς imprime alla mescolanza originaria è la stessa che egli afferma quando parla del mondo come ewig Chaos.

Ciò che ritorna nella concezione nietzscheana del caos e che egli già vede emergere nel pensiero di Anassagora sono il movimento eterno e la mescolanza, cioè la natura molteplice e plurale di questo caos in cui l’ordine e l’organizzazione non sono mai assoluti, ma sempre il risultato di precedenti organizzazioni che a loro volta sfoceranno in nuove organizzazioni e nuovi ordini. Secondo l’interpretazione nietzscheana, è proprio l’arbitrarietà del νοῦς che permette alla σύμμειξη di mantenere il suo carattere caotico, ossia di mescolanza che diviene, che si sviluppa e, quindi, in qualche modo si ordina, ma non teleologicamente, non in vista di un fine ultimo da raggiungere. Infatti, l’unico ordine che si può attribuire a tale mescolanza originaria è quello che deriva dal disordine, cioè dal nascere e dal perire, dal comporsi e dal dividersi continui. L’imprevedibilità e l’indefinibilità del νοῦς anassagoreo sono, secondo Nietzsche, espressione dell’indefinibilità e dell’imprevedibilità del divenire stesso, ossia di quel movimento che caratterizza la materia originaria di Anassagora e di cui è fatto il mondo intero.

Dunque, Nietzsche nella sua interpretazione di Anassagora lotta già contro quell’equivoco che sarà il bersaglio polemico della sua futura visione del mondo come caos e che egli considera la base di ogni teleologia. Tale equivoco è quello per cui l’uomo crede che «quanto l’intelletto costituisce solo sotto la guida del concetto di fine deve essere stato realizzato altresì dalla natura mediante la riflessione e i concetti finalistici». Nietzsche, infatti, sostiene che ciò che l’intelletto concepisce erroneamente come ordine e fine, invece, è solo un movimento incondizionato che non è guidato né da fini ultimi né da cause determinate e che, piuttosto, Nietzsche vede secondo quell’immagine del gioco che Eraclito gli suggerisce e che fornisce al νοῦς un carattere ludico. Esso, infatti, non ha nessun fine se non quello di soddisfare la propria libera volontà, il proprio arbitrio. Ciò che, secondo Nietzsche, interessava Anassagora era di avere trovato nel νοῦς l’origine di un movimento tale che da una mescolanza totale potesse venire fuori un ordine visibile. Dice Nietzsche: «Il nous è stato introdotto da Anassagora solo per rispondere alla domanda specifica: onde sorge il movimento e onde sorgono movimenti regolari?».

In questo modo, malgrado il caos di Anassagora non sia esattamente lo stesso che Nietzsche attribuirà al mondo perché quello anassagoreo, essendo soltanto uno stato iniziale, non ha il carattere dell’eternità, è, però, vero che, secondo l’interpretazione nietzscheana, tale caos, nel suo essere σύμμειξη, cioè una molteplicità di diversi elementi, si realizza proprio attraverso il movimento che il νοῦς gli imprime, in cui esso non è ridotto a unità, ma soltanto ordinato e trasformato nelle cose, intese come aggregati in cui la pluralità e la molteplicità si conservano. Nietzsche legge già il caos anassagoreo come espressione della consapevolezza dell’imprevedibilità del divenire e del rispetto della pluralità all’interno di una concezione antiteleologica del mondo libera dall’arroganza tipica dell’uomo che pensa di essere qualcosa di esterno alla natura e crede di poterla definire e comprendere.

(PROPAGANDA):”KH-A-OSS-Misantropia Nichilistica” III

Ricevo e pubblico

KH-A-OSS III

INDICE:

– Ragnarøkkr (Frenitida)

– Baratro (Arca)

– Terrorismo Criminale: Incendio al parcheggio della stazione La Celsa (Roma): sei auto distrutte dalle fiamme

– Terrorismo Criminale: Aprilia, auto in fiamme nella notte

– Terrorismo Criminale: Incendio sotto il cavalcavia Ghisolfa, tra viale Monte Ceneri e viale Serra (Milano): tre auto devastate

– Dell’amore del prossimo (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

– Theurgia: “Trasformazione (Discendi nella notte di Hiperboros)”

– L’illusione dell’Anarchismo (Dora Marsden)

– La Distinzione dell’unico di Stirner (tratto da La peste furtivA)