IL NUOVO TERRORISMO

Alcune caratteristiche e fondamenti sono stati più comuni nel terrorismo negli ultimi decenni; pertanto, alcuni tendono ad etichettarlo come “nuovo”. Il terrorismo è ora considerato nuovo nella struttura, nel finanziamento, nel reclutamento, nella formazione, nelle motivazioni, nelle tattiche, nella portata, negli obiettivi e nella letalità. Il nuovo terrorismo è decentralizzato. I nuovi terroristi sono entità organizzative meno coese. Tradizionalmente, i terroristi hanno fatto affidamento sul sostegno statale e sul sostegno in generale. Di recente, il finanziamento al terrorismo proviene più comunemente da fonti illegali come la frode con carta di credito, la pirateria video, il traffico di stupefacenti, investimenti legali e donazioni da parte di organizzazioni benefiche e individui benestanti. Il nuovo terrorismo non è più limitato alle organizzazioni tradizionali che sono esercitate da conflitti all’interno di nazioni specifiche; invece il campo di battaglia per i nuovi gruppi terroristici è globale. Gli obiettivi del nuovo terrorismo sono anche più globali e tendono a essere indiscriminati.

Il nuovo terrorismo è più pericoloso e più difficile da contrastare rispetto al terrorismo convenzionale in quanto ha una nuova struttura di rete, facilitata da tecnologie informatiche, personale amatoriale, disponibilità a causare vittime in massa, forse utilizzando armi chimiche, biologiche, nucleari o radiologiche, e la maggior parte importante non ha più bisogno di sponsorizzazioni statali. Le caratteristiche più distintive del nuovo terrorismo sono le seguenti:

Reti libere basate su cellule con linee minime di comando e controllo

Acquisizione ambita di armi di alto livello e armi di distruzione di massa [ADM]

Motivazioni politicamente vaghe, religiose o mistiche

Metodi “asimmetrici” che massimizzano le vittime

Uso abile di Internet e manipolazione dei mezzi di comunicazione

Le caratteristiche chiave delle armi e delle tattiche del nuovo terrorismo sono “la minaccia di [armi di distruzione di massa], di obiettivi indiscriminati, e di tassi di vittime intenzionalmente elevati”; per esempio, negli attacchi dell’11 settembre negli Stati Uniti; 11 marzo 2004, in Spagna; 7 luglio 2005, in Gran Bretagna; e il 23 luglio 2005, in Arabia Saudita, hanno registrato alti tassi di vittime. Inoltre, gli obiettivi del nuovo terrorismo sono ora diversi e si stanno spostando da stati particolari verso ideologie specifiche; il nuovo terrorismo ha una portata globale ed è considerato letale. I nuovi terroristi sono caratterizzati come “gruppi particolarmente sovvenzionati, e tecnologicamente articolati in grado di infliggere danni devastanti a una vasta gamma di obiettivi”.

Gli attacchi dell’11 settembre hanno suscitato una maggiore attenzione al terrorismo e al suo funzionamento nel nuovo millennio. Questo continua ad affascinare studiosi, politici, che concordano sul fatto che il terrorismo è cambiato ed è entrato in un nuovo regno di letalità e violenza. Si ritiene che il nuovo terrorismo sia molto più letale del terrorismo in passato; le attuali cifre relative agli incidenti e alle vittime del terrorismo indicano un aumento del numero di vittime piuttosto che del numero di incidenti. Ad esempio, mentre negli anni ’90 il numero totale di incidenti terroristici in tutto il mondo ha mostrato un declino, la percentuale di incidenti terroristici con vittime è aumentata.

Il nuovo terrorismo si sforza di infliggere vittime in massa; è più apocalittico nei metodi e nelle prospettive. Gli attacchi tendono ad essere di alto profilo, e causano enormi sofferenze e provocano conseguenze sociali e politiche a lungo termine. Mentre i vecchi metodi del terrorismo spesso miravano a richieste politiche chiaramente definite, il nuovo terrorismo mira alla distruzione generale della società. Il nuovo terrorismo è “è strettamente legato alle [Armi di distruzioni di massa]”.

Si pensa che i nuovi terroristi abbiano una maggiore volontà di infliggere violenza contro la massa e spargimenti di sangue usando armi chimiche, biologiche, nucleari o radiologiche. Mentre i terroristi tradizionali hanno agito all’interno di specifici confini politici e hanno mostrato scarso interesse per le armi di distruzione di massa, i terroristi moderni sembrano essere più interessati all’utilizzo di queste armi letali; di conseguenza, i terroristi sono in grado di ottenere risultati altamente catastrofici a causa dell’uso di armi estremamente pericolose che possono causare vittime in massa.